vodkone.estri.net

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Aggregator

Print

Marco's Box
  • Creare un bridge con Network-Manager
    Trattare le macchine virtuali in articoli della lunghezza di due pagine stampate è complicato. L'argomento è vasto e necessiterebbe di continui approfondimenti. Questo articolo non tratta specificatamente le macchine virtuali, in realtà tratta le reti. Ma dopo aver configurato il bridge in questo modo sarà possibile “agganciargli” sia dispositivi virtuali, sia dispositivi reali a seconda delle proprie esigenze.
    Come si è già detto, in primo luogo dobbiamo verificare che il nostro processore supporti la virtualizzazione, questo si può verificare cercando la voce “vmx” in /proc/cpuinfo per i processori Intel e “svm” in quelli basati su AMD.
    Il modulo che deve essere caricato dal kernel si chiama “kvm”, c'è un secondo modulo che si chiama kvm_intel o kvm_amd a seconda del proprio processore. La maggioranza delle distribuzioni carica questi moduli all'avvio o automaticamente.
    Per l'utilizzo di questo software è necessario avere i privilegi di root o un utente sudo, è possibile effettuare configurazioni con privilegi inferiori, ma questo va oltre lo scopo del nostro articolo.

    Per l'installazione useremo una Fedora 25, in questo articolo installiamo solamente il software necessario, la configurazione delle macchine virtuali verrà trattata in altri articoli.

    dnf install qemu-kvm libvirt virt-install bridge-utils
    systemctl start libvirtd
    systemctl enable libvirtd

    Per creare il bridge useremo nmcli l'interfaccia a linea di comando di network-manager:

    # aggiungiamo il bridge
    nmcli c add type bridge autoconnect yes con-name br0 ifname br0

    significato delle opzioni (man nmcli e man nm-settings):
    • c, con, connection: nm salva le configurazioni di rete come “connection”. Le “connection” descrivono come creare o connettersi ad una rete.
    • add: crea una nuova connessione utilizzando le proprietà specificate.
    • type bridge: specifica il tipo di connessione
    • autoconnect yes: la connessione deve essere effettuata automaticamente appena la risorsa diventa disponibile.
    • con-name br0: nome della nuova connessione
    • if-name br0: il nome dell'interfaccia di rete

    # impostiamo l'indirizzo IP
    nmcli c mod br0 ip4 192.168.10.10/24 ipv4.method manual

    significato delle opzioni:
    • mod, modify: aggiunge, modifica o rimuove proprietà nel profilo della connessione. La proprietà è specificata subito dopo, nel caso specifico, br0.
    • ip4, ipv4.addresses: array di indirizzi di rete.
    • method: l'indirizzo viene impostato manualmente.

    # impostiamo il gateway
    nmcli c mod br0 gw4 192.168.10.1

    significato delle opzioni:
    • gw4, ipv4.gateway: gateway

    # impostiamo il DNS:
    nmcli c mod br0 ipv4.dns 192.168.10.1

    significato delle opzioni:
    • ipv4.dns: dns

    # cancelliamo le impostazioni attuali della scheda di rete (ho scelto eth0)
    nmcli c del eth0

    significato delle opzioni:
    • del, delete: cancella una connessione configurata

    # aggiungiamo l'interfaccia come membro del bridge
    nmcli c add type bridge-slave autoconnect yes con-name eth0 ifname eth0 master br0

    significato delle opzioni:
    • bridge-slave: si aggancia al bridge
    • master: nome del dispositivo master

    effettuate un reboot e verificate che il bridge sia operativo lanciando “ip addr”.

    Network-Manager è un software complesso e di livello molto alto. Ha una montagna di opzioni e quando si comincia a comprenderlo diventa come un coltellino svizzero. Difficile farne a meno.
    Con questo articolo spero di aver risposto alla domanda di jboss, se ho dimenticato qualcosa scrivetelo nei commenti diventerà uno spunto per il prossimo articolo.
    Non pretendo di essere completo ed esaustivo, anzi, preferisco dimenticare qualcosa e lasciare che la mente di chi legge cominci a lavorare per cercare la soluzione.
  • Rilasciato Skype 5.4 for Linux Beta: Arrivano le video chiamate di gruppo

    Il team di Microsoft ha annunciato il rilascio della nuova Beta di Skype for Linux, la nuova versione del suo client di messaggistica e audio/video chiamate per sistemi operativi Linux.
    La novità principale di Skype 5.4 for Linux Beta è l'arrivo del supporto (attualmente sperimentale) alle video chiamate di gruppo. Ma vediamo le principali novità:

    • Abilitato il supporto alle video chiamate di gruppo
    • Aggiornato a Electron 1.7.4 che migliora le prestazioni e la sicurezza
    • Correzione delle key dei repository per gli aggiornamenti di Skype
    • Correzioni di bug e miglioramenti

    È possibile scaricare Skype per Linux 5.4 Beta all'indirizzo  www.skype.com/download
  • Un unico software center può portare Linux al successo?

    Vi ricordate quando qualche settimana fa vi chiesi se fosse possibile avere un a sola distribuzione?
    Qualche giorno fa Jono Bacon, ex dipendente Canonical, ha scritto un articolo intitolato
    Consolidating the Linux Desktop App Story: An Idea all’interno del quale si auspica l’aggiunta nel core delle distribuzioni GNU/Linux di un solo software center. Ha identificato gli elementi di partenza in Wayland, GNOME Software per una nuova idea di software center centralizzato, multidistribuzione, multifilosofico, basato su Flatpack.

    Free/no free software center

    Un unico repository di app che verranno filtrate per Desktop Environment, per free / non-free software aperto anche ai pagamenti.

    Insomma un idea che fa pensare ad un mega centro per le applicazioni, in modo da rendere semplice all’utente cercare applicazioni, ma soprattutto invogliare i developer a sviluppare le applicazioni in uno store che si affaccia a tutte le distribuzioni, con statistiche quindi rivolte ad una userbase decisamente più allettante rispetto all’utenza di una singola distribuzione.

    La scelta di Bacon su GNOME Software è comprensibile: GNOME, che piaccia o meno è il DE di riferimento con un pur ottimo KDE, di conseguenza propone Wayland, ormai considerato il successore di X con Mir sullo sfondo, non c'è quindi bisogno di reinventare qualcosa che già esiste a livello tecnico.

    Spazio alla vostra opinione

    Questa proposta può avere successo e di conseguenza rendere al panorama IT Linux una realtà meno frammentata di ora e più appetibile per i produttori e i grandi team? Vi auspicate un futuro simile oppure no?
    Come sempre lo spazio per i commenti è tutto vostro e delle vostre opinioni.

  • Virtual Machines

    Quando ero ragazzo, se volevo studiare un sistema operativo, dovevo installarlo nel computer e probabilmente distruggere tutti i miei dati finché non capivo come funzionava.
    Ricordo una legge di Murphy che diceva: “La preparazione tecnica di un sistemista è direttamente proporzionale ai danni subiti dal suo sistema”.
    Oggi per fortuna è possibile simulare praticamente qualunque cosa.
    Per esempio, puoi creare quattro macchine virtuali in un computer, quattro in un altro e farle comunicare tra loro, simulando uno scambio di dati tra due data-center.
    Questi sistemi ormai sono talmente affidabili, che l'unica differenza apprezzabile rispetto ad una macchina reale, è nelle prestazioni. Non è un caso che Cloud e Cluster ormai sono strettamente connessi con le virtualizzazioni e le containerizzazioni.
    Per quanto riguarda le implementazioni, esistono molte soluzioni e la maggioranza possono essere usate a livello professionale. Io ne ho installate diverse, ma la mia preferita, quando devo studiare o testare qualcosa, è KVM (Kernel-based Virtual Machine). KVM, è un'infrastruttura che si innesta nel kernel di Linux e permette di implementare la virtualizzazione da parte di altri software.
    Per ottenere questo risultato sfrutta Intel VT (Intel Virtualization Technology) o AMD-V (AMD Virtualization).
    KVM ha, in diversi casi, anche il supporto alla paravirtualizzazione, che non è una vera e propria virtualizzazione, ma è un sistema di condivisione dell'hardware gestito dal kernel ed è molto usato ad esempio per le schede di rete, migliorando le prestazioni del sistema virtualizzato.
    Per contro, il crash di un dispositivo paravirtualizzato in una macchina virtuale può provocare crash anche nelle altre. Per implementare questo tipo di soluzione il kernel ospitante deve essere modificato, da qui la necessità di un'infrastruttura a livello kernel.
    Naturalmente, non esiste solo KVM, esistono anche altre soluzioni e tra le più famose ci sono: LXC, OpenVZ, Xen. Queste seguono gli stessi principi, per poi dividersi nei dettagli e nelle implementazioni, a volte per ragioni storiche a volte per esigenze e obiettivi diversi.
    Come dicevo, questa infrastruttura si trova a livello del kernel e per usarla bisogna “mandare qualcuno a parlarci”. Ossia ci vuole un software specifico, e di solito quando ci vuole un software ci vogliono anche delle librerie. Sto parlando di Libvirt.
    Esistendo diverse implementazioni a livello kernel, esistono anche specifiche chiamate di sistema per ogni implementazione.
    I programmatori si troverebbero quindi, costretti ad imparare ogni chiamata di KVM o di OpenVZ, o di qualunque altra implementazione. Libvirt risolve questo problema unificando queste chiamate e creando astrazione. Il programmatore può in questo modo disinteressarsi della specifica implementazione, concentrandosi sul suo progetto.
    Libvirt è composta di un'API (Advanced Programming Interface), un daemon e un tool di management, così come dei wrapper, che permettono di comunicare con la libreria attraverso linguaggi ad alto livello come Python, Perl, Ocaml, Ruby, Java, Javacript (via Node.js) e PHP.
    I tool di management più famosi sono virsh (a linea di comando) e virtual machine manager (grafico).
    Veniamo all'ultimo pezzo del nostro puzzle: abbiamo bisogno di un componente software che attraverso la libreria libvirt vada a parlare per nostro conto con KVM; questo pezzo si chiama hypervisor e si trova tra il tool di management e KVM.
    Ossia: noi parliamo col tool di management, il tool parla con l'hypervisor e l'hypervisor attraverso le libreria comunica con KVM; il nostro stack è così completo.
    Nomi di hypervisor comunemente utilizzati sono: LXC, OpenVZ, QEMU, Xen, Virtualbox, VMWare. Quello che uso io, per i miei test nel portatile è QEMU.
    Dopo tutta questa prosopopea, possiamo finalmente fare un elenco delle funzionalità di KVM:
    • Over-committing: il sistema può allocare più CPU virtualizzate di quelle realmente esistenti.
    • Thin provisioning: permette di allocare lo spazio in modo flessibile per ogni virtual machine.
    • Disk I/O throttling: permette di impostare un limite alle richieste di I/O del disco mandate dalle VM alla macchina ospitante.
    • Virtual CPU hot add capability: permette di aumentare la potenza del processore    “a caldo” cioè mentre la virtual machine è in funzione.
    • Automatic NUMA balancing: aumenta le prestazioni delle applicazioni che girano su sistemi di tipo NUMA.
    Per chi se lo stesse chiedendo, non stiamo parlando di Mauro Numa, campione italiano di fioretto, né di Shozo Numa, famoso scrittore giapponese di fantascienza autore del libro Kachikujin yapū, da cui è stato tratto il manga “Yapoo – Il bestiame umano”, racconto con sfumature sadomaso del quale immagino l'umanità non potesse fare a meno. No! Parliamo della “Non-Uniform Access Memory”, architettura di memoria sviluppata per sistemi multiprocessore studiata appositamente per velocizzare l'apporto di dati ai processori da parte delle memorie.
    Una curiosità: questa tecnologia venne sviluppata in Italia negli anni '80, quando ci si occupava ancora di informatica e in Italia si trovavano tra i computer più veloci del pianeta. So che fa caldo, ma non divaghiamo!
    Per installare tutto questo popò di roba dovete innanzitutto verificare che il vostro processore abbia “competenze virtuali”, cioè le tecnologie di virtualizzazione di cui sopra:
    per sistemi intel: grep --color 'vmx' /proc/cpuinfo, mentre per sistemi amd: grep –color 'svm' /proc/cpuinfo
    Se non appare niente, potrebbe darsi che queste estensioni siano disabilitate nel bios o che il vostro processore non supporti la virtualizzazione. lsmod | grep kvm vi informa se il modulo kvm è stato caricato. Deve mostrare kvm, kvm_intel o kvm_amd.
    I nomi dei pacchetti cambiano a seconda della distribuzione, su internet è abbastanza facile trovare l'elenco, in generale dovete installare quelli concernenti virt-manager, libvirt, qemu e avviare il daemon libvirtd se non è già attivo.
    Per una spiegazione dettagliata su questi software è necessario un articolo specifico. Magari la prossima volta.
  • Ecco Fedora 26!

    Il team di Fedora ha annunciato l'immediata disponibilità di Fedora 26 e di tutte le spin ufficiali.
    Fedora 26 porta con se migliaia di miglioramenti derivati dall'aggiornamento dei vari software presenti nei repository della distro, inclusi i nuovi strumenti di sviluppo come GCC 7, Golang 1.8 e Python 3.6. A muovere il tutto troviamo il Kernel Linux 4.11 supportato da Mesa 17.1.4.
    Aggiunto un nuovo strumento di partizionamento in Anaconda (l'installar grafico di Fedora) che sarà di sicuro apprezzato dagli appassionati e dai sysadmin.
    Aggiornato anche il gestore di pacchetti DNF alla versione 2.5 con tante nuove funzionalità che potete scoprire recandovi a questo indirizzo.

    I desktop environment
    L'edizione principale di Fedora 26 porta GNOME 3.24 "Portland", l'ultima versione stabile del desktop environment di riferimento nel mondo GNU/Linux.
    Se siete interessati ad ambienti desktop alternativi potete scaricare una delle Spin di Fedora 26. A questo giro, oltre alle consuete edizioni con KDE, Xfce, MATE-Compiz, Cinnamon ed LXDE troviamo la nuova Spin con LXQt.

    Trovate le note di rilascio complete di Fedora 26 a questo indirizzo.

    I link per scaricare Fedora 26
    Ecco i link per scaricare Fedora 26 e le sue Spin
    Come aggiornare
    Se provenite da Fedora 25 e volete aggiornare la vostra distro a Fedora 26 seguite le istruzioni pubblicate da Fedora Magazine.

  • Rilasciato Linux Mint 18.2 “Sonya” in tutte le sue edizioni con Cinnamon, MATE, Xfce e KDE
    Linux Mint 18.2 "Sonya" Cinnamon Edition

    Clement Lefebvre, il patron di Linux Mint, ha annunciato il rilascio di Linux Mint 18.2 nome in codice Sonya in tutte le sue edizioni con Cinnamon, MATE, Xfce e KDE.

    Ricordo a tutti che Linux Mint 18.2 è una edizione a supporto estesa, basata su Ubuntu 16.04 LTS e che sarà supportata fino al 2021. 

    Fra le novità di Linux Mint 18.2 troviamo Cinnamon 3.4, MATE 1.18 (costruito sulle GTK3), Xfce 4.12 con xfwm4 4.13 (che migliora il supporto al VSync per non avere problemi di tearing) e KDE Plasma 5.8. Oltre a questo troviamo le versioni aggiornate delle X-Apps e dell'Update Manager.

    Per maggiori informazioni e per i link al download delle ISO aggiornate vi rimando alle pagine ufficiali di Linux Mint.


Last Updated on Wednesday, 26 August 2015 22:16  
JoomlaWatch Stats 1.2.7 by Matej Koval

Visitors

Today: 3
Yesterday: 8
This week: 49
Last week: 38
This month: 138
Last month: 197
Total: 3297




Banner top aggregator

Notizie dal mondo linux

lffl linux freedom
news dal mondo linux - ubuntu
  • Ufficiale: Meizu e Canonical annunciano il Meizu PRO 5 Ubuntu Edition

    Il produttore cinese Meizu in partnership con Canonical, celebre casa sviluppatrice della distro Linux Ubuntu, ha annunciato ufficialmente il Meizu PRO 5 Ubuntu Edition, come anticipatovi nei giorni scorsi.

    Il dispositivo rappresenta uno degli attuali top di gamma del mercato con un comparto hardware di altissimo profilo ed un design premium caratterizzato da una scocca in metallo.

    Continua a leggere...
  • Windows 10: tracce di Linux nell'ultima build?
    Secondo quanto riportato da alcuni utenti in rete, l'ultima build di Windows 10, il sistema operativo sviluppato da Microsoft, conterrebbe "tracce" di Linux.

    Nello specifico nei file di sistema della build 14251 di Windows 10 sono presenti LXCore.sys e LXss.sys.

    Continua a leggere...
  • MaruOS: Android si fonde con Debian in questa nuova "Convergence"
    Abbiamo parlato spesso della Convergence o Convergenza se vogliamo italianazzarlo, ovvero di quella funzionalità su cui sta puntando Canonical per rendere perfettamente adattabile e scalabile Ubuntu in base al dispositivo utilizzato che sia uno smartphone, un tablet o un PC.

    Di recente ha fatto la sua comparsa un nuovo competitor in questo settore. Stiamo parlando di MaruOS, un progetto che ambisce ad offrire un'alternativa a Convergence di Canonical e Continuum di Microsoft.

    Continua a leggere...
  • Aquaris M10 Tablet: finalmente arriva la Convergence di Ubuntu?
    Uno delle funzionalità più attese dagli utenti Ubuntu è sicuramente Convergence, profilo software che consente di passare dalla modalità "mobile" di un tablet o uno smartphone alla modalità Desktop semplicemente collegando il dispositivo stesso ad un monitor.

    Il nuovo tablet di Ubuntu, l'Aquaris M10, dovrebbe essere finalmente in grado di offrire tale funzionalità in maniera stabile e pienamente operativa.


    Continua a leggere...
  • Linus Torvalds annuncia la seconda RC di Linux Kernel 4.5
    Linus Torvalds ha annunciato la seconda release candidate del Linux Kernel 4.5 che apporta molteplici migliorie risultando, come dichiarato, un upgrade sicuramente maggiore rispetto alla prima release candidate.


    Continua a leggere...