vodkone.estri.net

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Aggregator

Print

Marco's Box
  • openSUSE Leap "15.2" entra nella fase di release candidate



    Il team di openSUSE ha annunciato il rilascio della release candidate di openSUSE Leap "15.2".

    Il rilascio della RC segna il freeze dei pacchetti software da includere nella distribuzione. Fra i pacchetti previsti troviamo KDE Plasma 5.18 LTS (l'ultima versione con supporto a lungo termine di KDE Plasma), GNOME 3.34 e Xfce 4.14. Un elenco di alcuni dei pacchetti in Leap “15.2” è disponibile sul wiki di openSUSE.
    Il rilascio della versione stabile è previsto per il prossimo Giovedì 2 Luglio 2020.

    Per maggiori informazioni su questo rilascio vi rimando al seguente indirizzo.
  • Il podcast di Marco's Box - Puntata 65
    In questa puntata parliamo delle novità delle ultime novità dal mondo Microsoft annunciate durante la Microsoft Build 2020, del ritorno di Enrico aka magliettabianca con un editoriale esperienziale sull'utilizzo dei Chromebook, di Immuni il cui codice sorgente è stato rilasciato in questi giorni sotto licenza AGPL 3.0, di Brave Together, il nuovo servizio di video chiamata integrato in Brave Browser e infine della nuova variante del Raspberry Pi 4 con 8 GB di RAM.

    Trovate la puntata su Spotity, Google PodcastsAnchor, Apple PodcastTuneIn, Amazon AlexaYouTube. In alternativa, per ascoltarla sul vostro player preferito, potete aggiungere il seguente feed. Oppure potete ascoltare la puntata su tramite il player integrato :)

    Buon ascolto!


  • Nasce Brave Together, il servizio di video chiamate di Brave Browser

    L'utilizzo delle applicazioni di video chiamata è aumentato a dismisura negli ultimi mesi e questo a causa del COVID-19 tanto da coinvolgere anche i big come Google e Facebook che si sono prontamente gettati nella mischia.

    Ora è il turno di Brave Software Inc., la software house che sviluppa Brave Browser che ha lanciato il servizio Brave Together, un servizio di video conferenza sicuro, funzionale e completamente gratuito.

    Brave Togheter è totalmente crittografato, 100% open source (è basato su Jitsi) e può essere utilizzato sempre, senza limitazioni di durata, gratuitamente e senza bisogno di un account.

    Il funzionamento di Brave Together è molto semplice. Basta avviare la versione desktop di Brave Browser e visitare l'indirizzo https://together.brave.com/. Una volta collegatoci a questo indirizzo ci basterà avviare la video chiamata di gruppo.


    Le video chiamate di gruppo possono essere condivise con il nostro team o con i nostri amici e congiunti. Possiamo anche impostare una password per proteggere l'accesso ed evitare così auto inviti indesiderati.
    Non mancano le funzionalità di condivisione dello schermo, chat testuale, condivisione video da YouTube e le vari opzioni per personalizzare la qualità video.(di default è impostato su alta definizione.

    Nonostante nel tweet di presentazione si fa riferimento alla disponibilità nel territorio Americano, il sito è comunque raggiungibile e funzionante anche da noi in Italia.

    Per gli utenti attenti alla privacy date una occhiata a questo indirizzo https://brave.com/privacy/#brave-together-learn

    Via Twitter
    Our Nightly version for North America now features Brave Together, our private and unlimited video calling service based on open source @jitsinews. Click on the widget & start connecting with friends/colleagues. Feedback welcome at https://t.co/SWLpcAKZDq for this trial version. pic.twitter.com/UPFE13Z0xB
    — Brave Software (@brave) May 26, 2020
  • Il ritorno AL o DEL pinguino
    Scrivo poco qui, lo faccio ad occasione quando ho qualcosa da condividere. Succede spesso quando provo qualcosa di nuovo o quando ho un pensiero particolare da condividere con la comunità di Marco.
    Se non lo sapete, per un anno circa ho avuto in casa un Chromebook, prima un convertibile Hp e poi un Pixelbook.
    Ho dovuto rendere il primo per un bug hardware ed ho appena venduto il secondo, per prendere un Thinkpad x1 carbon 4th gen usato, sul quale ho installato Manjaro e dal quale vi scrivo.

    Giulianova? E Chi se ne frega.... | I Due Punti
    Avete ragione, ma io scrivo lo stesso e vi voglio dire perché ho fatto questa scelta.

    Quindi ChromeOS non ti è piaciuto?

    Continuo a pensare che una soluzione simile a quella sia il futuro dell'informatica. Un mondo abbastanza ibrido, nel quale poter usare applicazioni per cellulare, con una interfaccia desktop per produttività più spinta, credo sia il futuro prossimo. Ma anche il proliferare di applicazioni via web, credo che sia il futuro. Non sono convinto che a primeggiare sarà la piattaforma di Google, potrebbe come no, ma saranno piattaforme simili come impostazione a imporsi a mio avviso.

    Ma allora perché l'hai venduto? Vogliamo il sangue, vogliamo ricordare i flame delle 17 su google+

    No dai, niente flame, il richiamo del pinguino per me è stato troppo forte, il voler provare distribuzioni per me è troppo divertente e quindi, mi sono preso un portatile linux friendly ad un prezzo ragionevole, che mi consenta di divertirmi e seguire le mie passioni.
    Dubbioso Vettoriali, Illustrazioni E Clipart

    Sento odore di supercazzola qui

    Ma no dai, sul serio...


    Volete il sangue? Avrete il sangue! Perché ChromeOS è implementato tutto a metà porca putrella!

    1. Supporto alle applicazioni android: Certo che le supporta, ma intanto le puoi usare solo se hai uno schermo touch, quindi il prezzo del device sale e, se vuoi un touch che sia anche solo decente, hai appena speso la 400 euro. Ma va bene, la qualità si paga e non discuto, però sono le app android in finestra. Alcune non ruotano, altre si comportano in maniera strana e poi, con un Pixelbook, un I5 del 2017, comunque un computer che nuovo costava una millata, le applicazioni pesanti sforzano e di brutto anche. In più, applicazioni android per produttività professionale sono pochissime.
    2. Integrazione del sistema: Ok, uso android, google, gmail e ChromeOS. Se mi arriva una mail e non ho la pagina di gmail aperta, non mi arriva nessuna notifica di sistema... L'integrazione con il pixel fa ridere. Certo che si connette, certo che usa la sua connettività in maniera trasparente e senza fare un hotspot...sticazzi no? Il vantaggio è che non devo fare un hotspot? Voglio mandare una foto da google foto su gmail ad un amico, faccio prima a scaricarla e poi allegarla.
    3. Il file manager: Fa cagare, non ho altre definizioni. Cerchi di connetterti ad una cartella remota, devi installare l'extension, che non sai se funziona, si attacca alla share samba fatta dal router e il download si blocca, senza dire niente e resta impastato lì. Ok, vogliono che usi drive, ma con un portatile la gestione dei file è comunque importante. La grafica poi di quel coso è imbarazzante.
    4. Supporto a linux: Alcuni Chromebook supportano linux, si tratta di una sandbox di debian stable, nella quale potete installare tutte le applicazioni dai repo ufficiali. Ok, l'interfaccia è solo il terminale e, se per me non è un problema, non mi dite che è una roba da utenti normali, a cui il ChromeBook si rivolge. Un sistema che vuole essere semplice ed immediato, per installare le applicazioni sudo apt update && sudo apt upgrade && sudo apt install App_desiderata, vi sempre una roba normale? Voi direte, ma le app linux sono per i pro...

    Terremoto, allarme per la "faglia delle cazzate": ecco le parole ...

    Lo sarebbero per i pro, peccato che su ChromeOS, se vuoi fare editing grafica, editing video, editing audio, le uniche alternative serie, sono le app per linux.
    Certo, puoi usare snapseed per android...però non dal google photo di ChromeOS, devi installare google photo di android, altrimenti non comunicano... per dire.
    Certo che puoi fare editing video con inshot, se lo hai comperato, avendo però una interfaccia scomodissima e comunque, si tratta di fottute app per il telefono, pensate per un telefono.
    Ah, allo stato attuale, il supporto delle app linux all'hardware è ancora incompleto, quindi mancano cosine come l'accesso ai drive usb (che arriverà) e in alcuni casi, alla scheda audio e comunque alle accelerazioni video, che tanto molti chromebook non hanno.

    Ma quindi ChromeOS è una cacca!

    Ma no! ChromeOs è un ottimo sistema operativo, con un grande potenziale, ma Google ha capito che almeno per ora, il suo ambito è la navigazione web, l'uso di gdrive e l'accesso alle piattaforme per la scuola e, in questo il ChromeBook è imbattibile.
    Perché le gesture sul trackpad sono fatte benissimo e sono di una comodità imbarazzante, perché la navigazione è fluida, completa, appagante. Perché comunque, l'integrazione con drive c'è e funziona anche molto bene.

    Ma posso avere tutto questo con qualunque portatile, anche con un Mac!

    Ed hai perfettamente ragione! Perché a Google interessa che tu usi i suoi servizi, con cosa non gli interessa, quindi è verissimo, puoi sfruttare il potenziale delle suite google dove ti pare però...esiste un però.
    Per poterti godere la suite Google, bene come faresti con un Chromebook da 350€, devi spendere molto di più negli altri mondi. 
    Design, peso, autonomia, responsività del sistema in generale, la totale assenza di necessità di manutenzione del sistema sono vantaggi enormi.
    Ovvio che con un surface pro o un MacBook Pro ci fai le stesse cose, alla stessa maniera e con la stessa fluidità, ma hai speso 3 o 4 volte.

    Ok, però se sei un utente sgamato, tra linux e android, ci fai tutto no?

    Io ci ho montato video con kdenlive, montato audio con audacity, fatto tre o quattro volantini professionali con Inkscape, usando spesso anche Gimp per la grafica raster se bisognava. Funzionano, ma la macchina non è ottimizzata per questi strumenti e quindi è sempre una pezza. Funziona, funziona bene, ma è comunque una pezza per ora. 
    Se vuoi passare un file a linux, devi metterlo in una cartella condivisa con Linux, oppure dire al sistema di condividere anche quella cartella specifica con linux, che sarà una cagata, ma è una rottura quando non lo sai o quando tutte le volte, devi fare dei copia e incolla con un file manager che fa vomitare.
    Le app android, ho smesso di usarle, perché senza integrazione forte è come usare un emulatore.

    Quindi?

    Oggi i ChromeBook sono ottimi per chi usa la suite Google o ha bisogno di un device per navigare o fruire di contenuti. Spendendo non più di 400€, ottieni risultati da panico in questi frangenti, con portatile spesso leggeri, durevoli e anche carini (hp 360 è bellissimo).

    Cosa ti è rimasto?

    La suite di Google è tanta roba, funziona bene e, se imparata ha lei sì, un potenziale gigante. Se sei un esperto, programmandola, le fai fare quello che vuoi. Davvero tantissima roba, la uso ovunque e, anche su questo portatile, office non l'ho nemmeno installato.

    Hai venduto il ChromeBook solo per delusione?

    No, non solo per quello, c'è stata anche l'enorme voglia di tornare a paciugare con Linux, soffrire per le cose che non funzionano benissimo e trovare la soluzione. Ho preso un portatile teoricamente linux friendly, con una costruzione da top di gamma, eppure il trackpad non è nemmeno lontano parente del Pixelbook, la tastiera è di netto inferiore e il lettore di impronte digitali funziona come i primi sensori nel mondo android, una volta ogni tre e tramite un driver non ufficiale, per il quale ho dovuto downgradare libprintf altrimenti non andava. 
    Lo swipe a tre dite, funziona anche lui sempre, ma solo se fai il gesto preciso, altrimenti ciccia...
    Ma che cosa volete che vi dica, l'amore è cieco e ognuno si diverte come vuole.
  • Microsoft mostra Edge in esecuzione su Ubuntu
    Continuano ad arrivare interessanti novità dalla conferenza Microsoft Build 2020 e questa volta riguardano l'arrivo di Edge su Linux.
    Ebbene si, Microsoft Edge viene finalmente mostrato in esecuzione su Ubuntu.
     

    Segno che ormai il porting è realtà e non resta che attendere l'annuncio del rilascio ufficiale.

    La notizia è stata ripresa anche da Canonical nel suo post New GPU and GUI features announced for WSL at Build dove illustra la presenza di Ubuntu in varie dimostrazioni tenute dagli sviluppatori dove è possibile vedere Ubuntu con applicazioni Microsoft native in esecuzione su di esso.
    Potete visionare il tutto a partire dal minuto 3:59:10
  • Microsoft si fa il Windows Package Manager
    Durante la //build 2020 Microsoft ha annunciato una anteprima pubblica di Windows Package Manager, il gestore pacchetti per Windows.


    Il funzionamento di Windows Package Manager è simile a quello dei gestori pacchetti che che noi utenti Linux utilizziamo abitualmente sulle nostre distribuzioni.

    I pacchetti disponibili per il client sono disponibili nel repository Community e il tutto funziona da Windows 10 1709 (build 16299) e versioni successive.


    In questa versione preliminare sono disponibili i seguenti comandi

    • hash         Genera l'hash SHA256 per il programma di installazione
    • help         Visualizza la guida per i comandi dello strumento winget
    • install Installa l'applicazione specificata
    • search Cerca una applicazione.
    • show Visualizza i dettagli per l'applicazione specificata
    • source Aggiunge, rimuove e aggiorna i repository di Windows Package Manager a cui accede lo strumento winget
    • validate Convalida un file manifest per l'invio al repository di Windows Package Manager

    I formati di installazione supportati da winget sono

    • EXE
    • MSIX
    • MSI

    Lo strumento winget è un software open source ed è disponibile su GitHub nel repository https://github.com/microsoft/winget-cli/


Last Updated on Wednesday, 26 August 2015 22:16  
JoomlaWatch Stats 1.2.7 by Matej Koval

Visitors

Today: 3
Yesterday: 2
Last week: 22
This month: 109
Last month: 154
Total: 1799




Banner top aggregator

Notizie dal mondo linux

lffl linux freedom
news dal mondo linux - ubuntu
  • Ufficiale: Meizu e Canonical annunciano il Meizu PRO 5 Ubuntu Edition

    Il produttore cinese Meizu in partnership con Canonical, celebre casa sviluppatrice della distro Linux Ubuntu, ha annunciato ufficialmente il Meizu PRO 5 Ubuntu Edition, come anticipatovi nei giorni scorsi.

    Il dispositivo rappresenta uno degli attuali top di gamma del mercato con un comparto hardware di altissimo profilo ed un design premium caratterizzato da una scocca in metallo.

    Continua a leggere...
  • Windows 10: tracce di Linux nell'ultima build?
    Secondo quanto riportato da alcuni utenti in rete, l'ultima build di Windows 10, il sistema operativo sviluppato da Microsoft, conterrebbe "tracce" di Linux.

    Nello specifico nei file di sistema della build 14251 di Windows 10 sono presenti LXCore.sys e LXss.sys.

    Continua a leggere...
  • MaruOS: Android si fonde con Debian in questa nuova "Convergence"
    Abbiamo parlato spesso della Convergence o Convergenza se vogliamo italianazzarlo, ovvero di quella funzionalità su cui sta puntando Canonical per rendere perfettamente adattabile e scalabile Ubuntu in base al dispositivo utilizzato che sia uno smartphone, un tablet o un PC.

    Di recente ha fatto la sua comparsa un nuovo competitor in questo settore. Stiamo parlando di MaruOS, un progetto che ambisce ad offrire un'alternativa a Convergence di Canonical e Continuum di Microsoft.

    Continua a leggere...
  • Aquaris M10 Tablet: finalmente arriva la Convergence di Ubuntu?
    Uno delle funzionalità più attese dagli utenti Ubuntu è sicuramente Convergence, profilo software che consente di passare dalla modalità "mobile" di un tablet o uno smartphone alla modalità Desktop semplicemente collegando il dispositivo stesso ad un monitor.

    Il nuovo tablet di Ubuntu, l'Aquaris M10, dovrebbe essere finalmente in grado di offrire tale funzionalità in maniera stabile e pienamente operativa.


    Continua a leggere...
  • Linus Torvalds annuncia la seconda RC di Linux Kernel 4.5
    Linus Torvalds ha annunciato la seconda release candidate del Linux Kernel 4.5 che apporta molteplici migliorie risultando, come dichiarato, un upgrade sicuramente maggiore rispetto alla prima release candidate.


    Continua a leggere...