vodkone.estri.net

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Software Linux Zoneminder - Configurazione (parte I)

Zoneminder - Configurazione (parte I)

Print

Dopo aver installato Zoneminder, direi in scioltezza (v.Zoneminder su Ubuntu Gutsy), siamo pronti a muovere i primi passi verso la configurazione ottimale. Considerato l'alto numero di funzioni ed opzioni presenti nel software, incominceremo limitandoci ad impostare le funzionalita' di monitoraggio da un dispositivo.

In prima istanza dovete collegarvi all'interfaccia web dell'applicazione, per farlo digitate l'url riportato di seguito nel vostro browser di fiducia (meglio se firefox):

http://NOMETUOSERVER/zm

dove NOMETUOSERVER e' il nome host o l'indirizzo IP del pc dove risiede il software (chevvelodicoaffa'?!)

La pagina principale (si veda screenshot seguente) e' strutturata sotto forma di elenco in cui vengono riepilogate le statistiche degli eventi. Ad ogni monitor definito viene associata una riga.

Ora aggiungeremo il nostro primo monitor, premete il bottone Add new monitor ubicato in fondo alla pagina sulla sinistra. Vi apparira' la finestra (si veda screenshot seguente) con il form dove inserire le proprieta' del monitor.

Inserite il nome del monitor nella casella etichettata "Name" nel tab "General";
cambiate tab selezionando "Source" (si veda screenshot seguente) ed inserite nella casella etichettata "Device Path" il dispositivo che volete usare (ad esempio /dev/video0);

configurate i parametri del dispositivo inserendo i valori appropriati nelle caselle etichettate "Device Palette", "Capture Width" e "Capture Height". Se non avete idea di quali siano i valori da impostare, vi consiglio di eseguire in una finestra di terminale sul server il comando seguente:

zmu -q -d /dev/video0 -v

Il comando vi elenchera' le caratteristiche del dispositivo (si veda screenshot seguente), nell'elenco potrete trovare le dimensioni e la palette supportate dal dispositivo. Copiatele nelle caselle corrispondenti nelle proprieta' del monitor e premete Save

una riga che visualizzera' il nome del monitor, la funzione, ed il dispositivo sorgente. Cliccate sul link del source (/dev/videoX) e premete Select accanto alla casella etichettata "Linked Monitors". Vi apparira' un'altra finestra (si veda screenshot seguente) contenente l'elenco dei monitor definiti, selezionate quello creato in precedenza e premete Save

 

A questo punto abbiamo definito il monitor e gli abbiamo associato un dispositivo con le relative impostazioni. Dobbiamo solamente attivare la funzione di monitor per vedere i primi risultati. Cliccate su "none" nella colonna "function", vi apparira' una finestra (si veda screenshot seguente), impostate "Monitor" nella casella combobox e premete Save. Nella schermata principale il link al dispositivo sara' diventato giallo; qualora non lo fosse diventato, vi consiglio di cambiare le impostazioni del dispositivo. Ad esempio io ho dovuto inserire la risoluzione a 320x240 sebbene la webcam supportasse fino a 640x480.

Cliccando sul nome del monitor nella colonna "Name" della schermata iniziale accederete alla finestra contenente il video dell'area monitorata dal vostro dispositivo (si veda screenshot seguente).

Nella prossima parte di questa guida vedremo come configurare la gestione del motion detection con la relativa gestione degli eventi.


Per approfondire:

Errori di configurazione
Configurazione avanzata Zoneminder
Software di videosorveglianza


Last Updated on Wednesday, 06 May 2009 16:16  


Banner top aggregator

Notizie dal mondo linux

lffl linux freedom
news dal mondo linux - ubuntu
  • Ufficiale: Meizu e Canonical annunciano il Meizu PRO 5 Ubuntu Edition

    Il produttore cinese Meizu in partnership con Canonical, celebre casa sviluppatrice della distro Linux Ubuntu, ha annunciato ufficialmente il Meizu PRO 5 Ubuntu Edition, come anticipatovi nei giorni scorsi.

    Il dispositivo rappresenta uno degli attuali top di gamma del mercato con un comparto hardware di altissimo profilo ed un design premium caratterizzato da una scocca in metallo.

    Continua a leggere...
  • Windows 10: tracce di Linux nell'ultima build?
    Secondo quanto riportato da alcuni utenti in rete, l'ultima build di Windows 10, il sistema operativo sviluppato da Microsoft, conterrebbe "tracce" di Linux.

    Nello specifico nei file di sistema della build 14251 di Windows 10 sono presenti LXCore.sys e LXss.sys.

    Continua a leggere...
  • MaruOS: Android si fonde con Debian in questa nuova "Convergence"
    Abbiamo parlato spesso della Convergence o Convergenza se vogliamo italianazzarlo, ovvero di quella funzionalità su cui sta puntando Canonical per rendere perfettamente adattabile e scalabile Ubuntu in base al dispositivo utilizzato che sia uno smartphone, un tablet o un PC.

    Di recente ha fatto la sua comparsa un nuovo competitor in questo settore. Stiamo parlando di MaruOS, un progetto che ambisce ad offrire un'alternativa a Convergence di Canonical e Continuum di Microsoft.

    Continua a leggere...
  • Aquaris M10 Tablet: finalmente arriva la Convergence di Ubuntu?
    Uno delle funzionalità più attese dagli utenti Ubuntu è sicuramente Convergence, profilo software che consente di passare dalla modalità "mobile" di un tablet o uno smartphone alla modalità Desktop semplicemente collegando il dispositivo stesso ad un monitor.

    Il nuovo tablet di Ubuntu, l'Aquaris M10, dovrebbe essere finalmente in grado di offrire tale funzionalità in maniera stabile e pienamente operativa.


    Continua a leggere...
  • Linus Torvalds annuncia la seconda RC di Linux Kernel 4.5
    Linus Torvalds ha annunciato la seconda release candidate del Linux Kernel 4.5 che apporta molteplici migliorie risultando, come dichiarato, un upgrade sicuramente maggiore rispetto alla prima release candidate.


    Continua a leggere...