Provvedimento del garante della privacy: si parte!

Sunday, 20 December 2009 22:14 vodkone
Print

A quanto pare questa volta non ci saranno proroghe. Sul sito del garante per la protezione dei dati personali sono apparse alcune precisazioni, ma nulla che lasci intendere ad un ulteriore rinvio dei termini per adeguarsi all'ormai famoso provvedimento che coinvolge gli amministratori di sistema in merito al trattamento di dati sensibili/personali. Pertanto dal 15 Dicembre 2009 bisogna adeguarsi.

Lavorando come amministratore di sistema mi e' capitato di avere a che fare con diversi fornitori che nel corso dell'ultimo anno hanno provato, a volte con una irritante insistenza, a vendere costosissime soluzioni software ad hoc che consentirebbero di regolarizzarsi rispetto al provvedimento del garante per la privacy. Ovviamente, stando alla loro modesta e disinteressata opinione, non esistono eccezioni di sorta o alternative a basso costo; l'importante in questo anno di crisi e' raggiungere l'obbiettivo delle vendite.
Il garante per la privacy deve aver ricevuto diverse segnalazioni di abusi, visto che ha pubblicato sul sito una precisazione in cui specifica quali siano le limitazioni di applicazione del provvedimento e che, per adeguarsi, possono essere sufficienti prodotti a basso costo od open source.
Se volete conoscere i termini esatti del provvedimento potete trovare indicazioni in questi articoli di questo blog:

Variazioni sul provvedimento per la protezione dei dati personali rivolto agli amministratori di sistemi
Provvedimento per gli amministratori di sistema
Sanzioni per la violazione del provvedimento sulla privacy
Domande frequenti

Di seguito il testo integrale della precisazione:

Amministratori di sistema: precisazioni del Garante

In vista della scadenza del 15 dicembre, termine entro il quale imprese e altri soggetti interessati devono adeguarsi alle prescrizioni impartite a suo tempo in materia di amministratori di sistema, l'Autorità per la protezione dei dati personali ritiene opportuno precisare alcuni aspetti, anche allo scopo di evitare ingiustificati oneri per le aziende.
L'Autorità, nel rilevare il generale impegno da parte delle imprese ad adempiere alle prescrizioni impartite con il provvedimento del 27 novembre 2008, ha infatti constatato che informazioni imprecise o anche talune azioni promozionali da parte di consulenti rischiano di disorientare alcune aziende, soprattutto quelle di piccole dimensioni, esponendole a immotivati aggravi economici.

L'Autorità intende dunque ribadire quanto segue:


Per quanto concerne, infine, gli aspetti tecnici del provvedimento (in particolare, la conservazione dei log degli accessi effettuati dagli amministratori di sistema), il Garante ricorda come l'adeguamento possa avvenire anche con soluzioni a basso costo, validamente proposte e disponibili in rete (per esempio basate su software gratuito, anche con licenze di tipo open source), che possono costituire valide alternative all'impiego di prodotti commerciali o di apparati più sofisticati.
Roma, 10 dicembre 2009


Last Updated on Sunday, 20 December 2009 22:55